Gravidanza
Inizio della gravidanza
Diagnosi medica della gravidanza
Diagnosi di gravidanza
10 segni della gravidanza
Datare la gravidanza
Salute durante la gravidanza
Salute orale e gravidanza
Rischi ambientali in gravidanza: piombo
Rischi ambientali e gravidanza: mercurio e arsenico
Uso dei farmaci in gravidanza
Diabete e gravidanza
Diabete gestazionale
Disturbi della gravidanza
Alcool e gravidanza
Anomalie della gravidanza
Acido folico
Acido folico e preeclampsia
Gravidanze multiple
Gravidanze multiple: le cause
Gravidanza precoce
Miti e credenze
Gravidanza e Sessualitą
Sessualitą in gravidanza
L'uomo e sessualitą in gravidanza
Parto
Parto prematuro: sintomi
Parto prematuro: il travaglio
Eclampsia e preeclampsia
Assistere al parto
Analisi prenatali
Villocentesi
Amniocentesi

ACT Italia Fertilita.org aderisce ad ACT Italia

Associazione Fertilitą Onlus
Home page / Gravidanza / La carenza di acido folico e il rischio di anomalie congenite
Invia questa pagina a un amico
http://www.fertilita.org/index.asp?ItemID=135

Tua email

Email destinatario

Aggiungi un commento

chiudi

La carenza di acido folico e il rischio di anomalie congenite

letto 8034 volte | autore: Claudio Manna, ginecologo specialista in fecondazione assistita (vai al curriculum)

         

Grazie all’acido folico, è possibile ridurre i rischi di anomalie congenite gravi nel nascituro.

Qualunque donna può, purtroppo, mettere al mondo un bambino con malformazioni del tubo neurale. Queste malformazioni comportano dei deficit congeniti gravi, caratterizzati da anomalie del cervello, del cranio o della colonna vertebrale del bambino. Il tubo neurale è la parte dell'embrione che formerà il cervello e il midollo osseo, e le malformazioni intervengono quando il tubo non si chiude completamente durante le prime settimane di gravidanza. A questo stadio precoce, molte donne non sanno neppure di essere incinte. La spina bifida è la manifestazione più diffusa di malformazione del tubo neurale, e i suoi effetti sono piuttosto variati: si va dagli handicap fisici ai deficit mentali gravi fino a problemi minori, che possono essere corretti dalla chirurgia. Gli effetti più diffusi riguardano la ridotta mobilità degli arti inferiori e il malfunzionamento dell'intestino e della vescica.

Che cosa sono le vitamine?
Le vitamine sono sostanze organiche necessarie all'organismo, e a eccezione della vitamina D, non possono essere sintetizzate dal corpo e devono quindi essere assunte attraverso l'alimentazione. Gli apporti insufficienti di vitamine provocano a medio e lungo termine disturbi biologici più o meno gravi. L'acido folico, o vitamina B9, in senso generale interviene nel metabolismo degli aminoacidi e acidi nucleici, e la sua carenza provoca anemia, calo ponderale, diarrea. L'acido folico o folato o folacina è una delle vitamine del gruppo B e contribuisce alla crescita armoniosa del feto. È una vitamina essenziale allo sviluppo normale della colonna, del cervello e del cranio del bambino, soprattutto durante le prime quattro settimane di gestazione. I supplementi vitaminici contenenti acido folico vanno assunti, idealmente, ancora prima della gravidanza, per ridurre al massimo i rischi di anomalia del tubo neurale.

L'encefalite è un'altra manifestazione di malformazione del tubo neurale e compare quando il cervello non si sviluppa completamente o quando è totalmente inesistente. Questo problema provoca quasi sempre un aborto spontaneo. I bambini con questa malformazione nati vivi (anencefalia) non sopravvivono a lungo.

Molti studi hanno dimostrato che l'assunzione quotidiana di un supplemento di acido folico prima del concepimento e all'inizio della gestazione aiuta a ridurre i rischi di malformazione del tubo neurale. Una famiglia con precedenti di malformazione del tubo neurale dovrà a maggior ragione essere seguita con maggior scrupolo dal medico, che può, nel caso, prescrivere un dosaggio quotidiano maggiore di acido folico. Anche le donne con diabete, obesità o epilessia sono a maggior rischio, e perciò, prima di pianificare una gravidanza, dovrebbero discuterne con il proprio medico.

Qualunque donna stia pensando o pianificando una futura gravidanza, dovrà perciò:

  • informarsi presso il proprio medico circa i benefici dell'acido folico. Le donne più a rischio dovranno valutare insieme al curante i propri precedenti familiari per mettere a punto il dosaggio adeguato al loro caso specifico;
  • adottare un regime alimentare sano. Infatti, l'assunzione di un supplemento vitaminico non può sostituirsi a un'alimentazione bilanciata. Si osservi che l'acido folico è presente in natura soprattutto nelle verdure verde scuro come i broccoli, gli spinaci, i piselli e il cavolo di Bruxelles, e in minore concentrazione nel mais, i piselli secchi, le lenticchie, i fagioli, le arance e la spremuta di arancia;
  • non decidere autonomamente somministrazione e dosaggio dell'acido folico, ma seguire i consigli del medico; infatti, alcuni ingredienti contenuti nei polivitaminici, se consumati in grandi quantità, producono più danni che benefici.

giovedģ 13 marzo 2008


sterilitą sterilitą femminile sterilitą femminile sintomi riproduzione riproduzione assistita sterilita cause fecondazione fecondazione in vitro andrologia sterilita maschile sterilita di coppia icsi forum spermiogramma varicocele oligospermia endometriosi ovaio policistico poliabortivita aborto ripetuto ginecologia
Articles in English 2001-2017 © www.fertilita.org | P.I./C.F: 05470161000 | Note legali | Condizioni di utilizzo | Mappa del sito | Ultimo aggiornamento: 20/02/2013
powered by G.H.T. s.r.l.
Aggiungi a MioYahoo!Aggiungi a iGoogle!Aggiungi a Netvibes