Home page / Infezioni e malattie / Il sanguinamento uterino anomalo
Invia questa pagina a un amico
http://www.fertilita.org/index.asp?ItemID=186

Tua email

Email destinatario

Aggiungi un commento

chiudi

Il sanguinamento uterino anomalo

letto 66661 volte | autore: Claudio Manna, ginecologo specialista in fecondazione assistita (vai al curriculum)

         

Noto anche come sanguinamento anomalo anovulatorio, è un’emorragia vaginale abnorme che si verifica durante un ciclo mestruale senza ovulazione.

La diagnosi di sanguinamento uterino disfunzionale o anovulatorio si fa per esclusione. Ciò è solo dopo che altre cause di sanguinamento uterino anomalo (malattie sistemiche, farmaci, disturbi della gravidanza, disturbi del comportamento alimentare, infezioni ginecologiche, anomalie strutturali, tumori) sono state escluse. I cicli anovulatori, nei quali cioè non si produce ovulazione, sono comuni durante il primo anno dopo il menarca (comparsa della prima mestruazione) e più in là nella vita quando una donna si avvicina alla menopausa (quando termina il periodo mestruale). Essi si manifestano nel 20% dei casi nelle adolescenti, e nel 40% nelle donne con età superiore a 40 anni. Si ritiene che l'obesità, l'eccesso di esercizio fisico e lo stress emotivo intenso possano essere fattori di rischio.

I cicli mestruali anomali: troppo abbondanti (menorragia), prolungati o irregolari
Il ciclo mestruale non è uguale per tutte le donne, anche se in media ha luogo ogni 28 giorni e ne dura circa 4. Tuttavia, periodo e durata sono estremamente variabili e devono venire considerati normali soprattutto se riferiti a una donna il cui menarca si è manifestato negli ultimi due anni. In linea generale, si considera abbondante un flusso che richiede un cambio di tampone interno o di assorbente esterno ogni ora per 6 ore consecutive, si considera prolungato un ciclo che dura più di 7 giorni, e irregolare un ciclo che ha luogo più spesso che ogni 21 giorni o meno spesso che ogni 35. Queste variazioni sono da considerarsi, come detto, normali, e sono meno preoccupanti delle emorragie, del dolore o delle perdite durante i cicli. Un sanguinamento inspiegato deve preoccupare le donne con 50 o più anni, specialmente se sono appena entrate in menopausa.

Le cause del sanguinamento anomalo sono molteplici:
- anovulazione vera (incapacità delle ovaie di produrre, maturare o rilasciare ovuli)
- polipi dell'endometrio (rivestimento interno dell'utero)
- iperplasia dell'endometrio (ispessimento delle pareti uterine) e cancro
- fibromi dell'utero
- funzionalità tiroidea o ipofisaria anormale
- complicazioni della gravidanza (aborto spontaneo o gravidanza ectopica, che ha luogo quando un -  - ovulo fertilizzato si impianta in una zona diversa dall'utero)
- variazioni ormonali, per esempio la menopausa
- cambiamento di contraccettivo orale (pillola) o negli estrogeni che si assumono
- uso di alcuni farmaci come steroidi o anticoagulanti
- uso della spirale (IUD) per il controllo delle nascite
- trauma recente, chirurgia recente, altre procedure uterine
- malattia infiammatoria della pelvi o altra infezione
- stress, variazione nella dieta o nella routine di esercizio fisico, perdita o aumento recenti di peso, viaggi, malattie

I sintomi del sanguinamento anomalo sono:
- cicli mestruali variabili (in genere trascorrono meno di 28 giorni tra due cicli)
- flusso mestruale variabile, da scarso ad abbondante
- infertilità
- cambiamenti di umore
- vampate di calore
- irsutismo (crescita eccessiva di peli sul corpo con distribuzione maschile)

I test
- visita medica ginecologica
- emocromo (indica la quantità dei principali componenti del sangue, tra cui globuli bianchi, globuli rossi, emoglobina, piastrine)
- HCG (ormone gonadotropina corionica umana) sierico, per escludere la gravidanza
- test della funzionalità tiroidea
- esami ormonali: prolattina, livelli di androgeni (ormoni maschili), FSH (ormone follicolostimolante), LH (ormone luteinizzante)

Le procedure diagnostiche, se indicate, possono comprendere:
- biopsia dell'endometrio (conizzazione)
- D+C (dilatazione e curretage o "raschiamento") per la valutazione delle cellule più alte dell'utero
- ecografia pelvica
- isteroscopia

Il trattamento
In genere, anche a distanza di qualche anno dal menarca le giovani donne non vengono trattate se non in presenza di sintomi eccezionalmente gravi, per esempio perdite massicce di sangue che provocano anemia. Nella donna in età da gravidanza, il trattamento mira a ottenere cicli mestruali normali, talvolta con la somministrazione di contraccettivi orali o di una terapia a base di progesterone. Se è presente anemia, è raccomandata una supplementazione con ferro. Se la donna desidera la gravidanza, è possibile procedere all'induzione di ovulazione durante la cura. Le donne con sintomi gravi e resistenti alla terapia possono scegliere il trattamento chirurgico, inclusa l'ablazione dell'endometrio (rimozione del rivestimento interno dell'utero) o l'isterectomia. Nelle donne più avanti con gli anni che si avvicinano alla menopausa, il trattamento mira soprattutto a ridurre i sintomi. La scelta è ancora una volta tra supplementazione ormonale o chirurgia.

La prognosi
La regolazione ormonale è in genere efficace nell'alleviare i sintomi. L'induzione di ovulazione, nelle donne che desiderano la gravidanza, è efficace in circa l'80% dei casi.

Le possibili complicazioni
- infertilità risultante da mancanza di ovulazione
- anemia grave risultante da sanguinamento mestruale abbondante o prolungato
- ispessimento prolungato dell'endometrio senza sanguinamento mestruale adeguato; è un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro dell'endometrio.

venerdì 14 marzo 2008


sterilità sterilità femminile sterilità femminile sintomi riproduzione riproduzione assistita sterilita cause fecondazione fecondazione in vitro andrologia sterilita maschile sterilita di coppia icsi forum spermiogramma varicocele oligospermia endometriosi ovaio policistico poliabortivita aborto ripetuto ginecologia
Articles in English 2001-2017 © www.fertilita.org | P.I./C.F: 05470161000 | Note legali | Condizioni di utilizzo | Mappa del sito | Ultimo aggiornamento: 20/02/2013
powered by G.H.T. s.r.l.
Aggiungi a MioYahoo!Aggiungi a iGoogle!Aggiungi a Netvibes