Home page / Infezioni e malattie / Herpes: come proteggersi dal contagio
Invia questa pagina a un amico
http://www.fertilita.org/index.asp?ItemID=207

Tua email

Email destinatario

Aggiungi un commento

chiudi

Herpes: come proteggersi dal contagio

letto 41380 volte | autore: Claudio Manna, ginecologo specialista in fecondazione assistita (vai al curriculum)

         

L’herpes non è una malattia vergognosa, ma è molto contagioso. Trattamento e qualche elementare regola di igiene per limitare i danni.

Il trattamento
Cosa si può fare contro questa malattia così insidiosa? Quando compaiono le vescichette è sufficiente applicare un antisettico. Per contro, le creme a base di aciclovir come lo Zovirax sono antivirali efficaci contro l’herpes e consentono di limitarne l’evoluzione, a patto di applicarle presto, a partire dalle primissime sensazioni di prurito. Anche i trattamenti orali a base di aciclovir possono aiutare ad allontanare le recidive troppo frequenti, e infine bisogna ricordare che l’herpes è molto, molto contagioso. Evitare i baci, anche quando le crostine si sono già formate. Non toccare le lesioni per non diffondere il virus ad altre parti del corpo. Non toccare le lenti a contatto con le mani perché l’herpes della cornea, diversamente da quello cutaneo, comporta conseguenze molto serie.

Un vaccino, please…
E l’herpes genitale? Forse non manca molto a un vaccino efficace contro il virus dell’herpes simplex del tipo 2, università e aziende farmaceutiche stanno alacremente lavorando a un vaccino ricombinante, che si è per ora dimostrato capace di ridurre di più del 70% il rischio di herpes genitale sintomatico nelle donne non ancora infette.

Conoscere i fattori scatenanti e riconoscere i primi segni di una crisi erpetica consentono di vivere meglio con l’herpes. Il virus dell’herpes dorme con un occhio solo come i gatti, e anche se le cause delle recidive non sono tutte note, sembrano dimostrati i nessi di causa ed effetto con alcuni fattori:

  • la febbre
  • la stanchezza, lo sconvolgimento del fuso orario
  • le mestruazioni
  • l’esposizione al sole (per l’herpes del viso, incluso quello labiale)
  • lo stress o una forte emozione
  • l’alcool
  • un traumatismo locale (estrazione di un dente, irritazione sessuale…)
  • relazioni sessuali (per l’herpes genitale)

Come convivere con l’herpes genitale e proteggere gli altri:

  • astenersi dai rapporti sessuali
  • consultare il medico alla comparsa dei primi sintomi
  • combattere il dolore e il contagio con trattamenti adeguati prescritti dal medico
  • lavarsi accuratamente le mani quando sono state in contatto con una delle lesioni
  • mantenere un’igiene perfetta delle parti infette. Lavare le lesioni con acqua e sapone
  • asciugare con cura le parti infette. L’asciugacapelli a bassa temperatura aiuta la cicatrizzazione
  • parlarne con il partner

Da evitare:

  • toccarsi gli occhi perché il virus si può annidare sotto le unghie e rischia di contaminare l’occhio
  • inumidire le lenti a contatto con la saliva
  • portare indumenti stretti o biancheria sintetica che mantiene l’umidità
  • grattare le lesioni perché rallenta la cicatrizzazione e può contagiare, per contatto delle mani, un’altra parte del corpo
  • condividere le salviette con altre persone
  • il contatto con una persona affetta da eczema o le cui difese immunitarie sono indebolite (donne incinte, malati di AIDS, soggetti che hanno subito un trapianto di organi, o che sono in chemioterapia, neonati)

La “febbre” sul labbro, o herpes labiale, è contagiosa. Durante una crisi nella quale i segni dell’herpes sono evidenti, sconsigliamo fortemente di:

  • baciare la pelle o la bocca di altre persone
  • praticare il sesso orale
  • toccare la “febbre” perché le dita possono veicolare il virus ad altre parti del corpo
  • toccare i neonati, i bambini e le persone le cui difese immunitarie sono indebolite

Quando i segni non sono evidenti:

  • utilizzare il preservativo perché i rischi di contagio sussistono, senza sintomi, anche al di fuori delle crisi
  • ridurre stress e tensioni che indeboliscono le difese immunitarie dell’organismo
  • parlarne con il partner. Non rimproverarsi di aver contratto l’herpes e non renderne responsabili (o peggio ancora, vittime…) gli altri
  • evitare le esposizioni prolungate al sole e le temperature estreme. In caso di esposizione al sole, preferire una crema a schermo totale
  • parlarne con il medico

Le vie di trasmissione dell’herpes sono poco conosciute dal pubblico. Un sondaggio realizzato in Francia nel 1998 ha dimostrato che mentre il 91% delle persone intervistate sapeva che l’AIDS si trasmette durante i rapporti sessuali, solo il 7% è stato in grado di citare l’herpes come una malattia sessualmente trasmessa. E tra i portatori del virus, solo il 34% sapeva di averlo contratto durante un rapporto sessuale. Questo spiega perché il 37% delle persone infette continua ad avere rapporti anche durante le fasi acute della malattia. Durante la fase di incubazione l’impiego del preservativo è importantissimo, che ci sia o meno penetrazione. Non si tratta di protggersi dallo sperma, ma di evitare qualsiasi contatto tra la pelle e le mucose. Molte infezioni si producono in età adulta durante i rapporti orali, e non è infrequente la trasmissione dell’herpes labiale ai genitali del partner: il 30% di tutti i casi di herpes genitale sarebbe provocato dall’HSV1, il virus dell’herpes labiale… Il preservativo è ancora il miglior mezzo di prevenzione, a condizione che le lesioni erpetiche non entrino in contatto con altre parti non protette come lo scroto, l’ano o il pube.

venerdì 14 marzo 2008


sterilità sterilità femminile sterilità femminile sintomi riproduzione riproduzione assistita sterilita cause fecondazione fecondazione in vitro andrologia sterilita maschile sterilita di coppia icsi forum spermiogramma varicocele oligospermia endometriosi ovaio policistico poliabortivita aborto ripetuto ginecologia
Articles in English 2001-2017 © www.fertilita.org | P.I./C.F: 05470161000 | Note legali | Condizioni di utilizzo | Mappa del sito | Ultimo aggiornamento: 20/02/2013
powered by G.H.T. s.r.l.
Aggiungi a MioYahoo!Aggiungi a iGoogle!Aggiungi a Netvibes