Infertilità maschile e femminile
Cause dell'infertilità Maschile
Fertilità maschile
Spermiogramma e spermiocoltura
Cause delle anomalie dello sperma
Varicocele
Chirurgia del varicocele
Disturbi ormonali
Infezioni
Criptorchidismo
Ipospadia
Chirurgia dell'ipospadia
Eiaculazione Retrograda
Eiaculazione precoce
Anomalie cromosomiche
Vasculite Testicolare Autoimmune
Anticorpi Antisperma
L'infertilità maschile come sintomo
Tumore del testicolo
Cancro e infertilità maschile
Cause dell'infertilità Femminile
Ovulazione normale
Cisti ovariche
Ovaie micropolicistiche
Sindrome da ovaio policistico
Trattamento dell'ovaio policistico
Disturbi ormonali
Ostruzione delle tube
Infezioni
Malattia Infiammatoria Pelvica
Menopausa precoce
Cancro e infertilità femminile
Sindrome di Turner
Età e fertilità
L'età della donna
Mestruazioni irregolari
Diabete
Pillola e infertilità

ACT Italia Fertilita.org aderisce ad ACT Italia

Associazione Fertilità Onlus
Home page / Infertilità maschile e femminile / Cancro e infertilità maschile: gli effetti del cancro sugli spermatozoi
Invia questa pagina a un amico
http://www.fertilita.org/index.asp?ItemID=254

Tua email

Email destinatario

Aggiungi un commento

chiudi

Cancro e infertilità maschile: gli effetti del cancro sugli spermatozoi

letto 28452 volte | autore: Alessandro Giuseppe Littara, medico chirurgo andrologo (vai al curriculum)

         

Alcuni tipi di tumore possono compromettere la qualità dello sperma anche prima dell’inizio di qualsiasi trattamento. Si stima per esempio che in circa il 40% degli uomini con linfoma di Hodgkin e in circa il 50% di quelli con cancro testicolare il numero degli spermatozoi sia patologicamente basso al momento della diagnosi di tumore.  

Chemioterapia e fertilità
È molto difficile prevedere quali uomini diventeranno infertili a causa di un trattamento chemioterapico, in quanto gli effetti dipendono non solo dalla tipologia dei chemioterapici sommistrati e dal loro dosaggio cumulativo, ma anche dalla fertilità prima della chemioterapia e dall’influenza del cancro in sé. Il dosaggio chemioterapico è una determinante significativa del danno potenziale: più elevato il dosaggio totale, più aumenta il danno alle cellule che formano gli spermatozoi.

La combinazione di alcuni chemioterapici tra di loro può provocare l’infertilità anche a dosaggi totali inferiori. In particolare, alcuni di questi farmaci hanno una maggiore probabilità di causare l’azoospermia (l’assenza di spermatozoi nell’eiaculato) rispetto ad altri. La funzionalità delle cellule di Leydig, indispensabile per la produzione del testosterone e per una normale attività sessuale, è invece molto più resistente agli effetti del trattamento e raramente viene compromessa dalla sola chemioterapia. Negli ultimi 15 anni sono stati sviluppati molti nuovi chemioterapici e terapie biologiche i cui effetti sulla fertilità non sono ancora noti.

In alcuni casi l’azoospermia o la oligospermia (bassa quantità di spermatozoi nell’eiaculato) sono condizioni temporanee, e la produzione di spermatozoi (spermatogenesi) riprende spontaneamente nei mesi o negli anni successivi alla terapia. Il danno che la chemioterapia può provocare alla struttura genetica degli spermatozoi viene riparato dall’organismo nel giro di due anni, secondo le stime delle ultime ricerche, ed è questa la ragione per la quale si suggerisce agli uomini sottoposti a chemioterapia di aspettare almeno due anni prima di pensare a un figlio.

La chemioterapia agisce distruggendo le cellule tumorali, che sono cellule in divisione rapida. Molte cellule dell’organismo si dividono rapidamente, per esempio quelle che rivestono il tratto gastrointestinale, i follicoli dei capelli e le cellule germinali (spermatozoi e ovuli). Queste cellule diventano bersagli primari della chemioterapia, con l’effetto collaterale tipico correlato alla loro distruzione, come per esempio la diarrea, la perdita dei capelli, l’infertilità.

Radioterapia e fertilità
Il tipo e la dimensione del cancro determinano l’area del corpo che deve essere irradiata e il dosaggio delle radiazioni. La probabilità di infertilità dopo chemioterapia dipende dal dosaggio, dalla protezione, e dal frazionamento della dose. Dosaggi anche molto bassi possono ridurre la quantità di spermatozoi presenti nell’eiaculato, mentre dosaggi più elevati possono produrre infertilità permanente. Le cellule di Leydig sono meno sensibili agli effetti dannosi della radioterapia, e la loro funzionalità resta normale anche dopo esposizione o trattamento con dosaggi inferiori a 2400cGy. Il danno primario ai testicoli ha luogo a seguito della radioterapia mirata direttamente ai testicoli o alle aree immediatamente circostanti, perché le spermatogonie, le cellule che formano gli spermatozoi, sono molto sensibili agli effetti della radioterapia e dosaggi anche molto bassi possono causare danni irreversibili. Il danno secondario o fallimento testicolare indiretto dei testicoli può seguire una radioterapia al cervello a causa di un possibile danneggiamento della ghiandola pituitaria, responsabile del rilascio degli ormoni indispensabili per l’attività sessuale. Un danno a questa ghiandola produce infatti una riduzione dei valori degli ormoni luteinizzante (LH) e follicolostimolante (FSH), necessari per la formazione degli spermatozoi e la produzione di testosterone, e ha come risultato l’infertilità

Chirurgia e fertilità
Se il cancro necessita della rimozione di entrambi i testicoli la fertilità è compromessa in quanto l’organismo non è più in grado di produrre spermatozoi. La chirurgia della prostata, della vescica, dell’uretra e più raramente del colon può invece produrre una condizione nota come eiaculazione retrograda, che pur non essendo pericolosa, può compromettere la fertilità.

lunedì 12 maggio 2008


sterilità sterilità femminile sterilità femminile sintomi riproduzione riproduzione assistita sterilita cause fecondazione fecondazione in vitro andrologia sterilita maschile sterilita di coppia icsi forum spermiogramma varicocele oligospermia endometriosi ovaio policistico poliabortivita aborto ripetuto ginecologia
Articles in English 2001-2017 © www.fertilita.org | P.I./C.F: 05470161000 | Note legali | Condizioni di utilizzo | Mappa del sito | Ultimo aggiornamento: 20/02/2013
powered by G.H.T. s.r.l.
Aggiungi a MioYahoo!Aggiungi a iGoogle!Aggiungi a Netvibes