Analisi di base per infertilità
Analisi ormonali: Prolattina
Analisi ormonali: Testosterone
Analisi ormonali: Progesterone
Analisi ormonali: Estradiolo (E2)
Analisi ormonali: Ormone LH
Analisi ormonali: Ormone FSH
Analisi ormonali: Ormone SHBG
Analisi funzionalità tiroidea: T3 e FT3
Analisi funzionalità tiroidea: T4 e FT4
Analisi della funzionalità tiroidea: TSH
Tampone vaginale
Pap Test
Test genetici per infertilità maschile
Test HBA
Cariotipo
Test di maturità spermatica
Test frammentazioni del DNA
Test aneuploidie spermatiche
TORCH Test
Post-Coital test
Temperatura basale
Test ovulazione
Ecografia del pene
Ecografia testicoli
Ecografia Transvaginale
La consulenza genetica
Quali analisi richiedere
Alterazioni cromosomiche maschili
Alterazioni cromosomiche femminili
Alterazioni geniche uomo e donna
Rischio di trasmissione di difetti genici

ACT Italia Fertilita.org aderisce ad ACT Italia

Associazione Fertilità Onlus
Home page / Analisi di base per infertilità / Il TORCH Test
Invia questa pagina a un amico
http://www.fertilita.org/index.asp?ItemID=267

Tua email

Email destinatario

Aggiungi un commento

chiudi

Il TORCH Test

letto 20511 volte | autore: Claudio Manna, ginecologo specialista in fecondazione assistita (vai al curriculum)

         

condizioni del prelievo: prelievo di sangue venoso

interesse del dosaggio: il TORCH Test è un valido screening per alcune malattie infettive che possono causare difetti congeniti nei neonati e condizioni patologiche negli adulti. Consiste in un monitoraggio per ricercare la presenza di IgG - immunoglobuline di classe G, e IgM - immunoglobuline di classe M, nei confronti di toxoplasmosi, rosolia, citomegalovis ed herpes simplex, i principali responsabili di patologie fetali. Il test può evidenziare se una persona ha recentemente contratto un’infezione, l’ha avuta in passato, oppure non è mai stata esposta al virus. I soggetti con infezione recente a uno degli agenti del TORCH avrà l’anticorpo IgM per l’agente specifico, mentre quelli che hanno avuto l’infezione nel passato avranno l’anticorpo IgG, presente per tutta la vita. Se nessuna delle due immunoglobuline è rilevata, non vi è stata infezione da questi microrganismi.

valori di riferimento: i risultati sono “positivo” o “negativo”, e indicano rispettivamente la presenza o l’assenza degli anticorpi IgG e IgM per ciascuno degli agenti infettivi. La presenza degli anticorpi IgM nella donna gravidanza suggerisce una nuova infezione con virus o parassiti; in questo caso è indispensabile effettuare ulteriori indagini per confermare il risultato, in quanto un anticorpo IgM può essere presente per altre ragioni. L’anticorpo IgG nella donna gravida può essere segno di una passata infezione con uno degli agenti infettivi. In questo caso in genere si ripete l’analisi dopo due-tre settimane per confrontare il livello dell’anticorpo: se il secondo campione mostra un aumento dell’anticorpo IgG, probabilmente indica un’infezione contratta di recente, se i valori sono stabili, l’infezione è stata contratta nel passato. L’interpretazione di un test per gli anticorpi IgM è più complessa a causa del maggior rischio di falsi positivi; per poter considerare valida la diagnosi, i risultati positivi dovrebbero perciò essere confermati da test specifici aggiuntivi. La rilevazione degli antigeni (sostanze che causano la produzione di un anticorpo) specifici o la coltura dei microrganismi possono essere effettuati, a differenza del TORCH Test, più precocemente nell’insorgenza del processo infettivo, e sono più specifici.

lunedì 15 settembre 2008


sterilità sterilità femminile sterilità femminile sintomi riproduzione riproduzione assistita sterilita cause fecondazione fecondazione in vitro andrologia sterilita maschile sterilita di coppia icsi forum spermiogramma varicocele oligospermia endometriosi ovaio policistico poliabortivita aborto ripetuto ginecologia
Articles in English 2001-2017 © www.fertilita.org | P.I./C.F: 05470161000 | Note legali | Condizioni di utilizzo | Mappa del sito | Ultimo aggiornamento: 20/02/2013
powered by G.H.T. s.r.l.
Aggiungi a MioYahoo!Aggiungi a iGoogle!Aggiungi a Netvibes