Home page / Infezioni e malattie / Malattie Sessualmente Trasmissibili: la Clamidia
Invia questa pagina a un amico
http://www.fertilita.org/index.asp?itemid=201

Tua email

Email destinatario

Aggiungi un commento

chiudi

Malattie Sessualmente Trasmissibili: la Clamidia

letto 11343 volte | autore: Claudio Manna, ginecologo specialista in fecondazione assistita (vai al curriculum)

         

Asintomatica e subdola, questa malattia sessualmente trasmessa può provocare la sterilità. Cura e prevenzione.

Le clamidiosi
Le clamidie sono batteri intracellulari dei quali esistono tre specie:

  • la chlamydia psittaci, responsabile della psittacosi, una grave malattia infettiva respiratoria
  • la chlamydia trachomatis, responsabile di:
    - infezioni urogenitali (MST) attraverso i sierotipi D-K
    - linfogranuloma venereo (sierotipi L1, L2, L3)
    - tracoma (sierotipi A, B, Ba, C)
    - congiuntivite
    - rettite nei maschi omosessuali
    - chlamydia pneumoniae, pneumopatia da clamidia

Questi batteri rappresentano la causa più frequente di cecità nel mondo, e la prima causa di sterilità femminile.

Le clamidiosi sono le malattie sessualmente trasmesse attualmente più frequenti sia nell’uomo, sia nella donna. Il tempo di incubazione varia tra 8 e 15 giorni, e i sintomi dell’infezione sono la leucorrea (secrezione lattiginosa), accompagnata da bruciore durante la minzione. Nell’uomo il segnale più tipico è la perdita di liquido chiaro, viscoso e indolore che si accompagna in genere alla sensazione di avere un corpo estraneo nell'uretra, a dolori testicolari diffusi e pesantezza perineale. Talvolta, i sintomi si riassumono nella semplice emissione di una goccia di liquido al mattino, accompagnata da segni minori. Le forme asintomatiche svolgono un ruolo importante nella propagazione della malattia. Le complicazioni si manifestano in genere dopo un’uretrite curata male o trascurata: prostatiti, epididimiti, sterilità maschile, congiuntiviti, rettiti… Il trattamento consiste nella somministrazione di antibiotici (tetracicline o macrolidi) in forma monodose di 1 giorno o fino a 15 giorni in funzione della gravità dell’infezione. In genere si effettua la ricerca anche di altre malattie sessualmente trasmesse associate alla clamidia, e si trattano simultaneamente tutti i partner sessuali.

La linfogranulomatosi venerea o malattia di Nicolas-Favre
È una forma particolare di clamidiosi provocata da alcuni batteri della chlamydia trachomatis, più frequente nei viaggiatori provenienti dalle regioni tropicali e negli omosessuali maschi. La lesione genitale primaria è in genere un’ulcera indolore che guarisce in qualche giorno senza lasciare cicatrici. L’adenopatia inguinale infiammatoria evolve verso la suppurazione e la fistolizzazione, seguite da cicatrizzazione retrattile. Sono possibili complicazioni locali, talvolta gravi. Il trattamento consiste nella somministrazione di tetracicline e macrolidi.

Tracoma
Non è infrequente in Africa e in Asia, si contrae per contatto diretto. L’infiammazione evolve verso l’opacizzazione della cornea e talvolta la cecità. Trattamento: antibiotici generali e locali, può essere indispensabile l’intervento chirurgico.

Clamidia sorniona
Come abbiamo visto le clamidiosi possono interessare gli occhi, il peritoneo e le articolazioni, ma la C. thrachomatis tocca essenzialmente l’apparato urogenitale. Il germe si sviluppa nelle cellule della mucosa uretrale o a livello del collo dell’utero, senza dare alcuna manifestazione di infezione. Tuttavia, i soggetti affetti sono molto contagiosi.

Nell’uomo l’infezione da Chlamydia trachomatis si può manifestare con una semplice uretrite, che si traduce in bruciori quando si urina, piccole perdite o pizzicori che passano quasi inavvertiti; talvolta a questi disturbi si possono associare l’infezione dell’epididimo (epididimite) o della prostata (prostatite). Nella donna l’infezione è spesso asintomatica, ma può comunque tradursi in segni che evocano un’infezione urinaria o una micosi. In particolare, la clamidia può provocare infezioni genitali che danneggiano utero e tube, come la salpingite che può presentarsi in forma acuta e molto fastidiosa accompagnata a febbre e intensi dolori pelvici. Il rischio di queste infezioni genitali è l’evoluzione verso la cronicità, nonostante l’assenza di sintomi importanti, e il rischio di non venire diagnosticate correttamente e quindi trattate di conseguenza. La fertilità delle donne affette è minacciata direttamente, con un rischio di sterilità tubarica del 20% e un rischio di gravidanza extrauterina del 10%.

La ricerca degli anticorpi della clamidia nel sangue è un metodo semplice ma poco efficace per il depistaggio dei portatori di C. trachomatis, al quale è preferibile la ricerca del germe direttamente a livello delle mucose, là dove esso svolge la sua azione patogena. Oggi disponiamo di una tecnica chiamata “amplificazione genica” che rende il depistaggio più semplice e più efficace. Più che mai bisogna perciò cercare la presenza della Ct negli uomini e nelle donne che presentano segni più o meno evidenti che evocano questa infezione (dolori pelvici, uretriti, “micosi” recidivanti…). La ricerca del batterio nella prima urina del mattino è infatti un esame indolore e semplice da realizzare.

Le donne di età inferiore a 25 anni dovrebbero sottoporsi al test almeno due volte all’anno. Secondo uno studio realizzato a Baltimora (USA) e pubblicato da Sexually Trasmitted Infection, su 2073 donne di meno di 25 anni con attività sessuale, quasi una su tre presentava un’infezione batterica da clamidia. In questa fascia d’età, la metà è stata infettata durante il primo rapporto sessuale o reinfettata in un intervallo di otto mesi. Asintomatica nella maggior parte dei casi, la clamidia riguardava nel 1996 il 4.1% degli uomini e il 2.3% delle donne. Se non viene trattata, l’infezione può causare sterilità e sembra, dagli ultimi studi, che possa aumentare il rischio di tumore dell’utero.

Il primo trattamento della C trachomatis è ovviamente preventivo, e l’unico strumento efficace resta l’uso del preservativo a ogni rapporto sessuale. Quando l’infezione è presente ed è stata diagnosticata bisogna ricorrere agli antibiotici, senza dimenticare di trattare anche i partner. In funzione della gravità dell’infezione il trattamento antibiotico potrà essere intravenoso o con somministrazione orale. Il ricorso alla chirurgia, in particolare alla celioscopia, è talvolta necessario nei casi di salpingite. Lo scopo di questo esame è la conferma della diagnosi oltre alla facilitazione della cura attraverso un lavaggio abbondante dell’addome e il drenaggio dell’ascesso pelvico. In alcuni casi, la celioscopia è l’unica alternativa alla fecondazione in vitro quando sembra ancora possibile ripermeabilizzare le tube alterate da un’infezione curata male.

Clamidia e infertilità
La clamidia è una delle più comuni malattie sessualmente trasmesse (MST). Se non viene diagnosticata e trattata può provocare infertilità negli uomini e nelle donne, gravidanza ectopica o infezione delle tube e delle ovaie, o causare la polmonite nei bambini nati da madri affette. La clamidia è provocata da un batterio, è facile da diagnosticare e da curare, e si trasmette durante il rapporto sessuale. Nelle donne, il batterio risale la cervice e si installa nell’utero e nelle tube, dove si sviluppa in un ascesso che di solito guarisce e scompare ma lascia un tessuto cicatriziale che può bloccare le tube. Asintomatica, la clamidia non impedisce l’ovulazione o la mestruazione, ed è molto contagiosa. Il blocco delle tube impedisce allo sperma di raggiungere l’ovulo, ma anche se la tuba non è completamente bloccata l’uovo fertilizzato non la può attraversare e non riesce perciò a impiantarsi nell’utero. In questo caso l’ovulo cresce nella tuba per circa 8 settimane ma poiché la tuba non è in grado di espandersi, l’ovulo si rompe provocando talvolta un’emorragia. In questo caso sarà necessaria un’operazione chirurgica per rimuovere la tuba danneggiata e in alcuni casi anche l'ovaio, e se entrambe le tube sono compromesse, la donna diventa sterile.

Negli uomini il batterio della clamidia entra nel corpo attraverso l’uretra e si dirige verso i testicoli, dove si formerà un ascesso che non provoca né dolore né alcun inconveniente, salvo il blocco dei canali spermatici. Lo sperma perciò non potrà fuoriuscire dai testicoli per venire eiaculato, anche se erezione, lubrificazione ed eiaculazione (del solo liquido seminale) avranno ugualmente luogo. Il tessuto cicatriziale causato dalla clamidia può essere rimosso chirurgicamente, e in genere dopo l’operazione l’uomo ritorna fertile. La diagnosi precoce e l’immediato trattamento sono condizioni essenziali. La diagnosi avviene tramite un semplice esame delle urine che indica la presenza del batterio, e l’infezione viene trattata con antibiotici. La miglior prevenzione del contagio consiste nell’uso sistematico del preservativo.

venerdì 14 marzo 2008


sterilità sterilità femminile sterilità femminile sintomi riproduzione riproduzione assistita sterilita cause fecondazione fecondazione in vitro andrologia sterilita maschile sterilita di coppia icsi forum spermiogramma varicocele oligospermia endometriosi ovaio policistico poliabortivita aborto ripetuto ginecologia
Articles in English 2001-2014 © www.fertilita.org | P.I./C.F: 05470161000 | Note legali | Condizioni di utilizzo | Mappa del sito | Ultimo aggiornamento: 20/02/2013
powered by G.H.T. s.r.l.
Aggiungi a MioYahoo!Aggiungi a iGoogle!Aggiungi a Netvibes